Conclusione della Recognitio

Un altro degli impegni che ci eravamo presi in vista delle celebrazioni del Quarto Centenario della Canonizzazione di San Filippo Neri è giunto a lieta conclusione.
Dopo tre mesi di paziente lavoro e attesa oggi, Festa della Natività di Maria, si è conclusa la recognitio del corpo del nostro Santo Padre Filippo Neri.
Alla presenza del Preposito e dei Sodali di Roma, del Procuratore Generale, del Delegato della Sede Apostolica, del Postulatore Generale, delle autorità del Vicariato di Roma, di qualche altro sacerdote e degli addetti ai lavori abbiamo recitato l’Ora Media e solennemente cantato il Te Deum di ringraziamento. Si è poi proceduto alla lettura della pergamena che attesta l’avvenuta ricognizione canonica e tutti gli astanti hanno firmato. Quindi il corpo del Santo è stato inserito nella rinnovata urna predisposta ad hoc, conservando tutto il materiale precedente ove possibile e dopo la sigillatura e gli adempimenti di rito verrà ricollocata sotto altare dedicato al Santo nella Chiesa di Santa Maria in Vallicella.

Il prezioso lavoro svolto, l’impegno profuso e la dedizione degli addetti serva per onorare ulteriormente il Santo della gioia cristiana e per instillare in ciascuno di noi un rinnovato impegno nella sequela di Cristo sull’esempio del nostro Santo Fondatore.

P. Michele Nicolis C.O.
Procuratore Generale


Vedi tutte le foto dell’evento qui.

“Compleanno” di s. Filippo Neri

Il Padre Procuratore Generale celebra la Santa Messa affidando al Signore, attraverso l’intercessione di San Filippo Neri, tutta la famiglia oratoriana: la Confederazione, le Congregazioni dell’Oratorio, le Comunità in formazione, i Progetti di Fondazione, tutti i “sodales” dell’Oratorio e tutti gli Oratori Secolari.
Affidiamo al Santo della “Gioia cristiana” tutte le nostre intenzioni personali, comunitarie ed ecclesiali.

In questi giorni si sta concludendo il processo per la ricognizione canonica delle reliquie di San Filippo. Il lavoro – nella sua prosecuzione – si è rivelato utile, importante e assolutamente necessario. Le reliquie verranno restituite alla venerazione dei fedeli non appena tutte le procedure e tutti gli adempimenti saranno correttamente espletati e conclusi con tutti gli organi competenti. Daremo a tutti notizie non appena ne saremo in grado. Intanto qualche altra foto.

Un caro saluto a tutti e una preghiera “ad invicem”.

P. Michele Nicolis
Procuratore Generale

RICOGNIZIONE DEL CORPO DI SAN FILIPPO NERI

Un altro importante appuntamento, in questo quarto centenario della Canonizzazione di San Filippo Neri, è iniziato oggi 7 giugno 2022: la ricognizione delle Sacre Reliquie del Corpo del nostro Santo Fondatore Filippo Neri. Nella “sala rossa” delle stanze di San Filippo oggi è stata traslata l’urna del Santo e si è svolto un breve ma intenso momento di preghiera, di invocazione e di meditazione.

Sono state cantate le litanie dei Santi e il “Pangamus Nerio” e poi c’è stato il giuramento dei tre medici, dei due tecnici e dei due padri “custodi”. Il tutto si è svolto alla presenza dei Padri della Congregazione di Roma e della Comunità di Garbatella, del Procuratore Generale, del Padre Visitatore e del Padre Postulatore, oltre che alla presenza della commissione di quattro persone incaricate dal Vicariato di Roma.

Che questo gesto di venerazione per la migliore conservazione delle reliquie del Santo, possa alimentare il fervore e la devozione di tutti gli oratoriani del mondo e di tutti i suoi fedeli devoti.

Novena di S. Filippo Neri – Nono giorno

La perseveranza di S. Filippo

La costanza in un tenore di vita umile, castigato e spirituale non abbandonò mai, nel corso della sua lunga vita, Filippo. Ogni giorno fu ricco di devozione e di opere di carità. Preso dall’amore di Dio e dedito al bene del prossimo, si prodigò fino all’ultimo con generosità estrema nel ministero sacerdotale. Voleva egli infatti che il Signore, nel momento della morte, lo trovasse, quello servo fedele, intento nelle opere di pietà.  

3 Gloria

Filippo non si lasciò piegare da contrarietà, fatiche e opposizioni, né mai tralasciò di seguire quanto il Signore gli ispirava e sapeva essere il suo dovere. Sempre uguale a se stesso e sereno, era solito ripetere: non bisogna mai tralasciare le devozioni, perché se il demonio vi fa tralasciare una volta un’ opera di bene, facilmente la farà tralasciare una seconda e poi una terza, finché la cosa si risolverà in niente.

3 Gloria

Filippo esortava di frequente i suoi figli spirituali alla perseveranza e li invitava alla frequenza dei sacramenti e della Messa, alla fuga delle occasioni di male, a una tenera devozione verso la Madonna, a rinnovare spesso i buoni propositi e a non perdersi mai di coraggio nelle tentazioni. Per questo prescrisse negli esercizi  dell’Oratorio la recita quotidiana di cinque Pater e Ave per chiedere al Signore la perseveranza nel suo divino servizio.

3 Gloria

O nostro Santo protettore, che impetraste ai vostri devoti il dono della perseveranza nel bene, degnatevi di impetrarlo anche a noi. Otteneteci la grazia di espiare i nostri peccati in vita, di spezzare i legami che ci tengono avvinti alle vanità del mondo e di avere invece una ferrea costanza nella pratica della vita cristiana, sicché possiamo sperare nella beatitudine eterna con voi in Paradiso.

(P. Gaetano Angilella, Novena in onore di S. Filippo Neri, Roma 1962)


BUONA FESTA DI SAN FILIPPO NERI

Il Padre Procuratore Generale augura a tutte le Congregazioni dell’Oratorio, a tutte le comunità in formazione, a tutti i Progetti di Fondazione e a tutti i sodali e amici laici BUONA FESTA del nostro Santo Patrono Filippo Neri.

Novena di S. Filippo Neri – Ottavo giorno

La devozione di S. Filippo



Filippo fu innanzitutto devoto della SS. Eucarestia. Da laico si comunicava ordinariamente ogni giorno, da sacerdote celebrò la S. Messa anche infermo. Nell’accostarsi alla Comunione non di rado si sentiva rapito dall’amore di Dio e rimaneva preso dall’estasi. Accurata era la sua preparazione al Sacramento e raccolto il suo ringraziamento e trovava dolce l’intrattenersi dinanzi a Gesù sacramentato, tanto che fu uno dei propagatori della devozione eucaristica in Roma.

3 Gloria

La considerazione della Passione di Gesù commuoveva intensamente Filippo, tanto da farlo lacrimare. Si narra infatti che non poté seguire le lezioni nell’Ateneo romano, perché un’immagine del Crocifisso che era nell’aula prendeva tutta la sua attenzione toccandogli profondamente il cuore. Ecco perché teneva, in stanza, presso di sè un crocifisso staccato dalla croce per tenerlo fra mano e adorando l’immagine del Redentore esprimere la pienezza dei suoi spirituali sentimenti.

3 Gloria

Intensa e caratteristica della spiritualità di Filippo fu la dolce devozione verso la Vergine SS.ma. Fin da giovane amò chiamare la Madonna: Mamma mia. Da sacerdote ebbe spesso visioni, in cui la Vergine gli apparve confortandolo, per cui poteva, a ragione ripetere: siate devoti della Madonna, chè non vi è mezzo più potente per ottenere grazie da Dio, che la Madonna Santissima!

3 Gloria

O nostro Santo patrono, che riceveste tanti favori da Gesù e da Maria, per la fiduciosa e fervorosa devozione verso di essi, illuminate la nostra mente e movete la nostra volontà, in modo che ci sentiamo anche noi infiammati di amore soprannaturale e siamo filialmente devoti della Trinità augusta e della dolce mediatrice Maria SS.ma.

(P. Gaetano Angilella, Novena in onore di S. Filippo Neri, Roma 1962)

Novena a S. Filippo Neri – Settimo giorno

L’amore di S. Filippo verso il Prossimo

Prima di divenire sacerdote, nei lunghi anni del suo apostolato laicale in Roma e quindi da ministro di Dio, Filippo si dedicò con generosità grande a beneficare spiritualmente e materialmente il prossimo. Cercava di farsi sempre tutto a tutti per attirare tutti a Dio. Girando per le vie e le piazze della città eterna, invitava amabilmente coloro che eran lontani dalla pratica della vita cristiana a ritornare ad essa. Riuscì non solo a migliorare i costumi di molti, ma anche a convertire eretici e non cristiani.

3 Gloria

Non contentandosi di giovare spiritualmente, pensò anche alle necessità materiali dei prossimi. Famiglie afflitte, ragazze povere, vedove abbandonate, pellegrini, convalescenti bisognosi di cure e malati d’ogni genere sperimentarono la sua grande carità. E alla pratica di questa virtù portò molti suscitando in essi la fiamma spirituale, che li rese generosi e fecondi di bene.

3 Gloria

Filippo non solo aiutò materialmente e spiritualmente i prossimi, ma anche moralmente, giovandosi in ciò delle sue naturali doti di carattere. Sempre sereno, affabile, piacevole, allegro, avvicinò amabilmente quanti potè. Inoltre stimava tutti, onorava tutti, compativa tutti, sicchè riuscì ad attrarre moltissimi al suo seguito e portarli a una intensa vita cristiana. 

3 Gloria

Glorioso Santo, che tanto vi adopraste per il bene dei prossimi, stimolate anche in noi un forte impulso ad avere compassione dei poveri, degli indigenti, degli afflitti, degli oppressi, dei traviati. Impetrateci uno spirito di comprensione e mitezza, in modo che non ci sfuggano parole spiacevoli o inopportune, e riusciamo invece, secondo l’invito del Vangelo a scusare chi ci contraddice o danneggia, pregando per loro. 

(P. Gaetano Angilella, Novena in onore di S. Filippo Neri, Roma 1962)