404.mo anniversario dies natalis del Ven. Cesare Baronio

Nel giorno in cui a Città del Messico il P. Procuratore Generale ricorda nella S. Messa dell’Incontro Latinoamericano dell’Oratorio l’anniversario del dies natalis del Ven. card. Cesare Baronio, il nostro sito è lieto di proporre questo intervento del prof. Luigi Gulia pubblicato sulla stampa locale di Sora. All’autore va la riconoscenza della Procura Generale per l’impegno generoso con cui da anni si dedica a promuovere gli studi e la conoscenza del suo grande concittadino. Dal Messico il P. Procuratore lo saluta con amicizia.

S. Messa al Tepeyac

Nella Basilica di N. S.ra di Guadalupe sul monte Tepeyac (Città del Messico) il P. Procuratore Generale presiede la S. Messa ed affida alla Vergine-Madre tutto l’Oratorio presente nei vari continenti: i sacerdoti, i laici e i candidati delle Congregazioni, i laici degli Oratori Secolari. Nell’omelia un particolare ricordo riserva al beato John Henry Newman e, ricorrendo l’anniversario del dies natalis, al ven. card. Cesare Baronio, la cui causa di Beatificazione affida all’interessamento sempre più vivo degli Oratoriani dell’America Latina, e al beato José Vaz, nel III centenario della sua morte.

Quarantore S. Maria Maggiore

Proseguendo una tradizione iniziata ormai da anni, il P. Procuratore Generale presiede l’Ora Media e tiene la meditazione nel corso delle Quarantore celebrate nella Papale Basilica Liberiana, impartendo al termine la Benedizione Eucaristica. Ringraziando Sua Em.za Rev.ma il Card. Arciprete Bernard Law per il gentile invito, sottolinea il devoto legame degli Oratoriani con la Basilica in cui è venerata la Madonna “Salus Populi Romani”. In partenza per il Messico, ricorda che alla Vergine, sotto questo titolo, è affidata fin dalle origini (1659) la Congregazione dell’Oratorio di Città del Messico.

Riconoscimento del martirio di Mons. Salvio Huix Miralpeix CO

Con grande gioia la Procura Generale annuncia alle Congregazioni Oratoriane quanto si è appreso dalla Sala Stampa della Santa Sede:
Oggi, 27 giugno 2011, il Santo Padre Benedetto XVI ha ricevuto in Udienza privata Sua Eminenza Reverendissima il Card. Angelo Amato, S.D.B., Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. Nel corso dell’Udienza il Sommo Pontefice ha autorizzato la Congregazione a promulgare i Decreti riguardanti:
(…)
– il martirio del Servo di Dio Salvio Huix Miralpeix, Vescovo di Lleida; nato a Santa Margarita de Vellors (Spagna) il 22 dicembre 1877 e ucciso in odio alla Fede a Lleida (Spagna) il 5 agosto 1936;
(…)
Il P. Procuratore Generale esprime a Sua Santità la riconoscenza filiale della intera Famiglia Oratoriana, lieta di vedere presto elevato alla gloria degli altari uno dei discepoli di san Filippo che diedero la loro testimonianza di fedeltà a Cristo usque ad effusionem sanguinis durante l’atroce Guerra civile in Spagna.

Morte di P. William Pentis

La Procura Generale porge alla Congregazione dell’Oratorio di Rock Hill (USA) le più fraterne condoglianze per la morte, avvenuta oggi, 25 giugno, del R. P. William Pentis. P. William era nato il 27 settembre 1931 ed era stato ordinato sacerdote il 7 maggio 1966. In Christo vivat et in pace requiescat.

Visita all’Oratorio di Mérida

Il P. Procuratore Generale visita da oggi al 26 giugno la neo eretta Congregazione dell’Oratorio di Mérida, Yucatan (Messico), dove non ha potuto essere presente nel gennaio scorso in occasione della solenne consegna del Rescritto di fondazione canonica.

Pontificium Institutum Altioris Latinitatis

Il 5 maggio scorso la Congregazione per l’Educazione Cattolica ha nominato il prof. Manlio Sodi Preside-Decano della Facoltà di Lettere Cristiane e Classiche (Pontificium Institutum Altioris Latinitatis) per il triennio 2011-2014.
 

Riportiamo il testo dell’intervista rilasciata a Zenit (20 giugno) dal prof. Sodi a Antonio Gaspari sul tema: “Ha ancora senso studiare latino e greco?”

Perché è importante studiare il latino?

Sodi: Non si può vivere staccati dalla cultura in cui si è nati e si è sviluppato un insieme di elementi che fanno della persona la sua essenza. E la lingua è un elemento essenziale di questa realtà. Osservando le nostre lingue “neo-latine” non possiamo trascurare l’origine “latina” appunto del nostro parlare. Ma questo sarebbe di poco conto se dimenticassimo che la maggior parte del patrimonio culturale dell’antichità, che si è sviluppato attorno al bacino del mediterraneo, è giunto fino a noi in lingua latina e greca. Conoscere il latino, pertanto, costituisce la chiave per poter accedere a questo immenso patrimonio cui guardano con interesse popoli lontanissimi dal nostro ambito geoculturale e tuttavia affascinati da una lingua che racchiude tesori di cultura che inondano l’umanità ma attraverso le traduzioni.

Da dove nasce il grande interesse per la lingua latina in nazioni come la Cina e gli Stati Uniti?

Sodi: Desta sorpresa conoscere l’interesse per il latino, manifestato anche in questi giorni, da popoli e culture molto distanti da quella latina. Dalla Cina agli Stati Uniti, passando dai Paesi anglofoni per giungere in Finlandia dove esiste anche una radio che trasmette in lingua latina… rimaniamo davvero sorpresi. Al di là dell’evento “notizia” che fa parte degli obiettivi di un giornale, l’interesse per il latino è il frutto della scoperta di valori culturali che la Cina, per esempio, aveva già fatto quattro secoli fa con la presenza dei Gesuiti, e con Matteo Ricci in particolare. Per il mondo di lingua inglese poi l’attenzione è ancora più comprensibile dato che sembra essere la lingua con maggiori etimologie latine. Tutto questo interesse costituisce uno stimolo enorme per saper riscoprire e approfondire una lingua che è anzitutto portatrice di una cultura complessa e quanto mai articolata, e i cui elementi spaziano in un arco di quasi tre millenni!

Leggi tutto “Pontificium Institutum Altioris Latinitatis”

LX di Sacerdozio di Sua Santità

La Procura Generale della Confederazione si unisce alla gioia della Chiesa per il LX di Ordinazione Sacerdotale di Sua Santità Benedetto XVI, che sarà ricordato il 29 giugno prossimo nella solennità dei Ss. Apostoli Pietro e Paolo, e porge al Santo Padre, facendosi voce di tutta la Famiglia Oratoriana, i più filiali auguri. Il P. Procuratore Generale invita le singole Congregazioni della Confederazione ad offrire Ss. Messe ad mentem Summi Pontificis come dono all’amato Pastore e in ringraziamento per il Suo alto Magistero e per la Sua testimonianza di fedeltà al Signore.