Home  Presentazione  Confederazione  Congregazioni  Documenti  News  Foto  Annales  |  Santità  Biblioteca

Contatti

 

Santità

 

» Santi

 

» Beati

 

» Venerabili e Servi di Dio

 

» Iconografia

 

Venerabile P. Filippo Bardellini

 


Cenni biografici


 

Tra l'Ottocento ed il Novecento fiorisce nell’Oratorio di Verona la splendida figura del Sv. di Dio Filippo Bardellini (1878-1956).

 

Nato in un tempo difficile nel popolare quartiere dei Filippini, qui trascorse la fanciullezza e la giovinezza tra le difficoltà - non ultima la terribile inondazione del 1882 - che in quegli anni spinsero molti all’emigrazione.

 

L’ambiente parrocchiale della Congregazione dell’Oratorio ed il seminario diocesano gli fornirono una formazione umana e spirituale molto solida, che lo indusse ad entrare nella Comunità filippina nel 1901, dove il 10 agosto 1904 ricevette l’ordinazione sacerdotale.

 

Visse le primizie del suo sacerdozio tra le classi più povere, quelle del suo ambiente, e tra i giovani, soprattutto a partire dal 1911 quando fu nominato Rettore della chiesa di S. Pietro Incarnario. Furono evidenti fin dall’inizio lo zelo ardente, la pietà fervorosa, la dedizione nello svolgimento delle attività pastorali. Aveva infatti scelto come direttore spirituale il futuro San Giovanni Calabria, che gli divenne non solo maestro e guida, ma profondamente amico.

 

Incoraggiato da lui e con l’aiuto della sorella Elisa, nel 1921 P. Filippo gettò le basi dell’Istituto delle “Poverette della Casa di Nazareth”, con l’intento di dedicarsi, in primo luogo, alla gioventù minorata, spesso abbandonata e lasciata ai margini della società. “Anche il debole mentale - affermava P. Bardellini - è persona: e come tale deve essere rispettato ed aiutato, al pari degli altri; ha diritto che le sue doti vengano coltivate e sviluppate in tutto ciò che è possibile”.


La Comunità oratoriana, di cui P. Filippo fu per tanti anni Preposito, gli consentì di dedicarsi in maniera autonoma alla direzione dell’opera che conobbe immediatamente un crescente sviluppo, ma che non fu esente, come tutte le opere di Dio, dallo sperimentare la sofferenza della croce. “Non voler mutilare la tua croce - diceva P. Bardellini - forse ne togli la parte migliore. Non toccare le tue piaghe con mano impaziente. Abbandonati alla Divina Provvidenza: tutto è nelle mani di Dio, e intanto spendi le tue forze per il bene degli altri. Il dolore giova per tanti aspetti; ha anche qualche lato ricco di conforto e di pace”.

 

Colpito da grave malattia, nel 1948 si trasferì, in accordo con la sua Congregazione, nella Casa centrale del suo Istituto, a Ponton di Domegliara (Verona), dove trascorse gli ultimi anni quasi immobilizzato, ma di edificante esempio nello spirito di preghiera e nella gioiosa sottomissione alla Volontà di Dio. Pronunciando la preghiera che gli era cara: “In Te, Signore, ho sperato; non sarò confuso in eterno”, si addormentò nel Signore il 24 agosto 1956.

 

Introdotto il Processo di beatificazione di P. Filippo, non solo la Congregazione di Verona attende dalla Chiesa la proclamazione della santità di questo degno figlio del primo Padre Filippo. Il 12 aprile 2003 Sua Santità Giovanni Paolo II lo ha proclamato Venerabile.

 


Bibliografia


 

CAPPELLETTI G., Padre Filippo Bardellini, servo degli ultimi, Cinisello Balsamo, 1986

FINOTTI G., La leggerezza dell'amore. Padre Filippo Bardellini: il martire del sorriso, Verona, 2004

SILVESTRELLI I., "Don Scarpassa". Meditazione su P. Filippo Bardellini, Verona, 1981

 

Sito ufficiale della Procura Generale della Confederazione dell'Oratorio di San Filippo Neri  Statistiche  |  Link  |  Preferiti