Home  Presentazione  Confederazione  Congregazioni  Documenti  News  Foto  Annales  |  Santità  Biblioteca

Contatti

 

News

 

Memoria del Beato Sebastiano Valfré

 

Roma, 30 gennaio 2007

 

Il Procuratore Generale celebra in S. Maria in Vallicella la S. Messa nella memoria del Beato Sebastiano Valfré, confondatore dell’Oratorio di Torino. Nell’omelia propone la riflessione sulla base di uno scritto del Beato, entrato nell’Ufficio delle Letture dell’odierna memoria:

 

 

«Come potremo tendere alla perfezione se l’amore di Dio non ci conduce? E come possiamo amare Dio se non osserviamo le nostre regole? I motivi che ci obbligano ad amare la perfezione di tutto cuore non ci obbligano anche all’osservanza delle medesime regole? Questa è la misura: si presenta il gusto di Dio, la sua gloria, la sua volontà; per questa strada vuol condurci in paradiso e non per un’altra; per questi canali vuole che otteniamo i suoi favori; attraverso questi mezzi ci vuol portare alla perfezione. […]

 

Quelli che servono Dio solo per il timore del peccato e del castigo, non capiscono affatto cosa sia la perfezione, cosa sia il vero amor di Dio: “La carità perfetta caccia via il timore” (I Gv 4,18). Così è l’osservanza delle regole che il Signore per mano del nostro santo padre diede alla Congregazione nostra madre, a segno che è maledetto chi la esaspera e la offende. E chi sono quelli che esasperano, offendono, trattano in maniera indegna la Congregazione loro madre? Senza dubbio quelli che non ne osservano le regole. Questi risultano essere assai nocivi alla Congregazione: a causa loro essa perde bellezza e splendore, a causa loro la Congregazione si indebolisce e va in rovina. Come vive grazie all’osservanza fedele delle regole, così è distrutta quando le si trasgredisce e disprezza». (Dagli scritti autografi conservati presso l’Archivio della Congregazione di Torino, vol. 27, p. 42. Libero adattamento al linguaggio corrente)

 

 

Riportiamo dal fascicolo 5 di “Annales Oratorii” un riferimento a recenti pubblicazioni: I giorni dell’assedio. 7 luglio – 30 novembre 2006, interessante catalogo della mostra allestita in occasione del terzo centenario della liberazione di Torino, pubblicato a cura dell’Archivio Storico della Città. Il volume, di 107 pagine corredate di numerose e pregevoli illustrazioni, per la ricchezza dei documenti selezionati consente modalità di lettura a vari livelli. Non mancano – come poteva esser altrimenti? – i riferimenti all’opera svolta in città dal P. Sebastiano Valfré, ma in una pubblicazione tanto apprezzabile sotto vari aspetti ci si poteva aspettare qualche maggior attenzione all’importante ruolo che il Valfré esercitò, anche in quella drammatica circostanza, come di vero animatore spirituale della città e delle truppe di difesa, nonché di consigliere del Sovrano.

 

A quest’ultimo è dedicata, nell’ambito del centenario, una interessante pubblicazione: FRANCESCA ROCCI, Vittorio Amedeo II, il duca, il re, l’uomo, Torino, 2006. Stupisce che l’ampio studio (193 pp.) non faccia – neppure  una volta – riferimento al Valfré, che tanta parte ebbe nella vita di Vittorio Amedeo II e verso cui il Duca Sovrano ebbe tale stima da volerlo come arcivescovo della sua Capitale. Restano quindi preziose per un più completo approccio alla questione la documentatissima pubblicazione, pregevole anche per l’abbondante bibliografia su tutti gli aspetti della vita del Beato, di A. DORDONI, Un maestro di spirito nel Piemonte tra Sei e Settecento. Il padre Sebastiano Valfrè, dell’Oratorio di Torino, Milano, 1992, e la biografia, divulgativa ma di buon livello, di C. FAVA, Vita e tempi del B. Sebastiano Valfrè, Torino, 1984.

 

Sito ufficiale della Procura Generale della Confederazione dell'Oratorio di San Filippo Neri  Statistiche  |  Link  |  Preferiti