Home  Presentazione  Confederazione  Congregazioni  Documenti  News  Foto  Annales  |  Santità  Biblioteca

Contatti

 

News

 

Memoria di San Francesco di Sales

 

Roma, 24 gennaio 2007

 

Il Procuratore Generale celebra alla Vallicella la S. Messa nella memoria di S. Francesco di Sales, fondatore e primo Preposito dell’Oratorio di Thonon, ricordando i rapporti del santo con i primi discepoli di S. Filippo Neri nella comunità Vallicelliana, in particolare con il Beato Giovenale Ancina e con il Ven. Card. Cesare Baronio e sottolineando quanto la lezione spirituale del santo Vescovo richiami la più pura proposta filippina.

 

Riportiamo una pagina del card. Joseph Ratzinger su s. Francesco di Sales (Heiligenpredigten, Donauwörth, 1977, in Toccati dall’Invisibile, Brescia, 2006):

 

 

«A Ginevra la casa di san Francesco di Sales si trova dirimpetto alla casa di Jean-Jacques Rousseau. Questo può essere considerato un simbolo. Qui si incontrano due possibilità fondamentali dell’epoca moderna, due modi alternativi di essere uomo: Francesco di Sales, l’uomo che è stato capace di abbandono, che ha guardato oltre se stesso ed è così diventato pieno di fiducia.

 

In questo ha trovato la sua felicità, è diventato un uomo capace di amare ed ha poi irradiato la mitezza, la bontà, la libertà di Gesù Cristo. Così ha donato libertà anche ad altri – libertà da se stessi, libertà per portare frutto nella creazione di Dio.

 

Dall’altra parte Jean-Jacques Rousseau, che fu il primo a vivere – e come nessun altro – il grande rifiuto, anch’egli nel confronto con il calvinismo che l’ha portato al rifiuto di ciò che noi siamo, alla ricerca dell’uomo naturale, per il quale alla fine anche il linguaggio e l’istruzione esercitano repressione, un’oppressione che rende non liberi.

 

Egli fu il primo a concepire un essere-uomo che non porta in sé alcuna teleologia, alcuna finalità, e che perciò può battere infinite vie. Ma sono vie che si perdono nel vuoto, che costituiscono un rifiuto.

 

Alla fine, ciò lo spinge a liberarsi in qualche modo dal peso mostruoso di questa vita, quando nelle sue confessioni dice: “Quando suonerà la tromba del giudizio, allora io mi farò avanti con tutto quello che ho fatto qui e dirò: Chi è migliore di me venga avanti!”. Alla fine, solo un modo angosciante di assoluzione!».

 

 

Sito ufficiale della Procura Generale della Confederazione dell'Oratorio di San Filippo Neri  Statistiche  |  Link  |  Preferiti