Home  Presentazione  Confederazione  Congregazioni  Documenti  News  Foto  Annales  |  Santità  Biblioteca

Contatti

 

News

 

III centenario di P. Alfaro

 

 

Roma, 15 agosto 2009

 

Il Procuratore Generale si unisce alla gioia della Congregazione dell’Oratorio di S. Miguel de Allende che ricorda con solenni celebrazioni religiose il III centenario della nascita di un suo membro illustre, e vero apostolo in Messico, il servo di Dio Luis Felipe Neri del Alfaro, e si rallegra delle manifestazioni culturali di cui diamo il nutrito programma, distribuito in vari giorni, fino al 26 agosto: P. Luis Ávila Blancas, C. O. México: “El P. Alfaro, el nuevo Alcántara Mexicano por su penitencia”; P. José Socorro Govea, C. O. San Miguel de Allende: “Actividades fundacionales del Oratorio de San Miguel el Grande y algunas actividades del P. Br. D. Luis Felipe Neri del Alfaro, C.O.”; prof. Ignacio Navarro Camarena, dell’Università di Guanajuato: “La dimensión poética en el padre Alfaro”; P. Fernando Manríquez, del Santuario de Jesús Nazareno de Atotonilco: “El Siervo de Dios Luis Felipe Neri de Alfaro: Evangelista de la Hermosura”; prof. Ana Isabel Pérez Gavilán, della Binghamton University, NY.: “Variantes pasionarias en el modelo devocional de Luis Felipe Neri de Alfaro"; prof. Graciela Cruz López, dell’Università di Guanajuato: “Luis Felipe Neri de Alfaro: Icono del siglo XVIII”; prof. Erandi Rubio Huertas, dell’Università Iberoamericana: “Entre la historia y la leyenda: padre Luis Felipe Neri de Alfaro, fundador del Santuario de Jesús Nazareno de Atotonilco”.

Il servo di Dio Luis Felipe Neri de Alfaro nacque a Città del Messico il 25 agosto 1709 ed entrò nella locale Congregazione dell’Oratorio il 26 maggio 1730. Ordinato sacerdote a San Miguel de Allende, nel 1740 fondò ad Atotonilco il Santuario di Gesù Nazareno, preziosa opera d’arte (la “Sistina messicana”), di devozione e di formazione cristiana, dove P. Alfaro operò instancabilmente fino alla morte (22 marzo 1776).


La meditazione quotidiana della Passione di Gesù e le virtù dell'umiltà e della carità furono il fulcro della sua spiritualità. Vivissimo fu il desiderio di non avere altra consolazione se non l'essere unito a Gesù crocefisso per riparare i peccati degli uomini, causa della passione e morte del Salvatore.
 

Acceso di ardente zelo, nella predicazione insisteva spesso sui patimenti sopportati da Gesù per gli uomini e sull'amore che lo aveva spinto a dar la vita per la loro salvezza, con lo scopo di portare i suoi uditori alla conversione, al pentimento e alla riparazione riconoscente.
 

La fama di santità è ancora oggi vivissima in questi luoghi ed il suo sepolcro continua ad attirare le folle dei fedeli (fino a 100.000 ogni anno) che partecipano - a turni di 3/4.000 - agli Esercizi Spirituali nella austera Casa annessa al santuario, seguendo il metodo e le devozioni insegnate dal Servo di Dio,. Il processo per la canonizzazione, iniziato nel 1864, è in corso.

 

Sito ufficiale della Procura Generale della Confederazione dell'Oratorio di San Filippo Neri  Statistiche  |  Link  |  Preferiti